Principale Politica Perché il movimento femminista americano è immerso nell'ipocrisia?

Perché il movimento femminista americano è immerso nell'ipocrisia?

I manifestanti camminano durante la marcia delle donne su Washington, con il Campidoglio degli Stati Uniti sullo sfondo, il 21 gennaio 2017 a Washington, DC.Mario Tama / Getty Images



dove si trasferirà l'ufficio?

Sono un'orgogliosa donna femminista israelo-americana, un'entusiasta partigiana della nostra libertà, dei nostri diritti e del nostro futuro. È mio obbligo non rimanere in silenzio mentre il nostro movimento viene dirottato.

Un (grande) segmento del movimento femminista si sta dirigendo verso il bordo di una scogliera ripida e infida.

Nonostante la buona intenzione di includere varie organizzazioni politiche nella marcia delle donne di gennaio a Washington e nella Giornata internazionale della donna, molte sono state escluse.

Voci più moderate, e gruppi anti-aborto (con l'eccezione delle organizzazioni islamiste, come il CAIR), non erano benvenute. Alle Olimpiadi dell'Oppressione, solo i punti di vista più rumorosi ed estremi potevano competere per l'attenzione sulle loro cause. Lo dico da donna pro-choice che capisce che ora più che mai, per avere successo, i diritti delle donne devono rimanere una questione bipartisan con molteplici e coerenti punti di ingresso.

Molti hanno scelto di non partecipare a causa delle preoccupazioni sulla direzione in cui questo movimento è diretto, in parte grazie ad alcuni organizzatori problematici ma importanti. Iris Breidbord Langman, israelo-americana e membro attivo della Seattle Jewish Community, non ha partecipato alla Seattle Women's March proprio per questo motivo.

Non avrò niente a che fare con un movimento che permette alla sua missione di essere dirottata da coloro che contraddicono il vero messaggio e il cui unico scopo è vomitare bugie e odio, ha detto Langman, riferendosi a Rasmea Yousef Odeh, un'organizzatrice della Giornata internazionale della donna e la mente di un omicida attacco terroristico contro un negozio di alimentari israeliano nel 1969. L'attacco di Odeh ha ucciso due studenti ebrei, di soli 20 e 21 anni. Due madri e quattro sorelle hanno seppellito i loro figli e fratelli.

Non sono convinto che Odeh mi avrebbe accolto alla marcia. Per un movimento che si spinge così lontano da bandire le organizzazioni che non si allineano con le proprie convinzioni politiche, che dire che non boicotteranno gli israeliani come me?

Un'organizzatrice della marcia di gennaio, l'americana palestinese Linda Sarsour, è una sostenitrice aperta del movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) contro Israele.

Sarsour sostiene il BDS contro Israele. Ha legami con Hamas, un'organizzazione terroristica che mira alla distruzione dello Stato di Israele e del popolo ebraico. Il dirottamento della marcia delle donne da parte di un promotore della legge anti-israeliana, anti-femminile e pro sharia mostra l'ipocrisia della marcia, ha detto Langman.

Langman era profondamente offeso e turbato da uno dei tweet di Sarsour del 2011, in cui diceva, Brigitte Gabriel = Ayaan Hirsi Ali. Sta chiedendo 4 a $$ frustate. Vorrei poter portare via le loro vagine: non meritano di essere donne.

In effetti, l'appello di Sarsour a togliere le loro vagine è stato un colpo basso considerando che Hirsi Ali, una dichiarata sostenitrice dei diritti delle donne nelle società islamiste, è stata costretta a subire mutilazioni genitali femminili ai sensi della legge della Sharia somala quando aveva cinque anni.

Come ha spiegato Langman, Affermare che Sarsour è per la giustizia sociale, i diritti delle donne e l'uguaglianza è pericolosamente ignorante e minimizza il messaggio di coloro che soffrono sotto la legge della sharia e il terrorismo.

E Sarsour non si è fermato qui. L'anno successivo, ha twittato che niente è più inquietante del sionismo. Ma in effetti c'è in gioco qualcosa di molto più spaventoso: gli organizzatori guidano un movimento verso i propri programmi ostili contro Israele e, sì, gli ebrei.

Il sito web della Giornata internazionale della donna afferma che gli organizzatori sostengono la decolonizzazione della Palestina. Certo, i nativi di una terra non possono colonizzare quella che è la loro terra storica, ma questa imprecisione si è già diffusa nelle marce, che spesso assomigliano a manifestazioni anti-israeliane.

Con manifesti e canti anti-israeliani, il movimento è diventato la nuova ONU, con Israele additato come un violatore della giustizia. Nel suo discorso alla marcia delle donne su Washington, Angela Davis ha chiesto libertà e giustizia negli Stati Uniti e di tutti i violatori dei diritti delle donne che avrebbe potuto evocare (Arabia Saudita, Somalia, Pakistan, Siria) Davis ha chiamato la Cisgiordania e Gaza . Possiamo solo sperare che chiedesse la libertà da delitti d'onore , matrimoni precoci , poligamia , persecuzioni religiose , o il torture e omicidi di attivisti LGBTQ nei territori palestinesi . Ma questo è dubbio.

Non è qui che dovrebbe essere diretto il movimento femminista. Polarizzare le donne che sostengono i diritti delle donne e compromettere l'integrità del movimento femminista non è la stessa cosa che difendere i diritti delle donne globali.

Se fossi accusato della responsabilità di guidare questa macchina femminista, farei più attenzione alla strada.

Eliana Rudee fa parte del gruppo di notizie e politiche pubbliche Haym Salomon Center. I suoi titoli sono stati pubblicati su USA Today, New York Daily News, Forbes e The Hill.

Articoli Interessanti