Principale Arti Chi è Stanislav Szukalski, l'oscuro artista che Leonardo DiCaprio sta cercando di rendere famoso?

Chi è Stanislav Szukalski, l'oscuro artista che Leonardo DiCaprio sta cercando di rendere famoso?

Stanislav Szukalski.Netflix



L'artista polacco Stanislav Szukalski aveva 80 anni e viveva a Granada Hills, all'estremità occidentale della San Fernando Valley fuori Los Angeles, quando è stato riscoperto nel 1971. È stato all'improvviso. Come la storia è raccontata in Netflix's Lotta: La vita e l'arte perduta di Szukalski, un collezionista locale di nome Glenn Bray, che aveva preso per caso un vecchio libro del lavoro di Szukalski e ne era diventato rapidamente ossessionato, ha scoperto che l'uomo dietro di esso viveva a poca distanza in auto.

Si è anche scoperto che Szukalski era un oratore e godeva di un pubblico. Così Bray ha iniziato a invitare altri artisti, amici della scena comica underground locale, a sedersi e ascoltare il vecchio artista parlare. Una di quelle persone era George DiCaprio, che portava con sé il suo giovane figlio, Leonardo. Un giorno, Szukalski prese la copia della famiglia di una monografia e aggiunse un'iscrizione per il bambino. Un avvertimento, annotò sulla copertina del libro. Per favore, non crescere troppo in fretta.

Iscriviti alla Newsletter di Braganca's Arts

Consiglio che probabilmente non è stato ascoltato. Tuttavia, Leonardo DiCaprio, come molti altri, è rimasto interessato a Szukalski, anche molto tempo dopo la morte dell'artista nel 1987. L'attore è un noto collezionista di sculture di Szukalski e ha contribuito a finanziare una retrospettiva del suo lavoro al Laguna Art Museum di 2000. Ora lavora come produttore insieme a suo padre nel documentario - il lavoro del regista Irek Dobrowolski-che racconta la storia della vita travagliata e del complicato lavoro di Szukalski. Il manifesto per Lotta: la vita e l'arte perduta di Szukalski , in uscita il 21 dicembre su Netflix.Netflix



Le sculture e i disegni di Szukalski erano drammatici, monumentali, surreali. Il titolo del film deriva da una delle sue opere più note - una mano tesa e nervosa con teste d'aquila che emergono dalla punta delle dita - ma sostituisce anche il tema generale della sua vita. Nato a Warta nel 1893, durante la sua infanzia ha fatto avanti e indietro tra la Polonia e Chicago (studiando arte all'Accademia di Belle Arti di Cracovia nel primo, diventando amico adolescente della futura leggenda della sceneggiatura Ben Hecht nel secondo). Si sviluppò qualcosa di una doppia personalità. Alcuni lo descrivono tenero, invitante; altri dicono che era stoico e freddo. Le sue buffonate come artista - in realtà come anti-artista, criticando qualunque istituzione si trovasse sulla sua strada - lo hanno reso popolare nella stampa locale, dove ha abbracciato il personaggio dell'enfant terrible.