Principale Tv Riepilogo di 'The Walking Dead' 6×7: Cracked

Riepilogo di 'The Walking Dead' 6×7: Cracked

Walkers, non mangiare Glenn. (foto: Gene Page/AMC)



Dopo settimane di tattiche dilatorie piuttosto impressionanti, finalmente abbiamo la nostra risposta: sì, Glenn è vivo. Sì, è sopravvissuto più o meno come ci aspettavamo, ma non poteva davvero avvolgerci la testa, arrampicandosi sotto quel cassonetto e pugnalando qualsiasi vagante che si avvicinava, quindi aspettando che uscisse. E no, nessuno è venuto a salvarlo, a meno che non si contenga la strana solitaria Enid, che era lì per lanciargli una bottiglia d'acqua quando finalmente ha tirato fuori il suo io disidratato dal suo nascondiglio.

Non lo so, ma sono abbastanza sicuro che mi sarebbe piaciuto molto di più questa rivelazione senza l'intero circo di speculazioni delle ultime tre settimane. Anche se sospettavo da solo che la morte di Glenn non fosse ciò che sembrava, se non avessi avuto i miei sospetti riflessi nello specchio dei social media, la mia reazione all'inizio di Heads Up sarebbe stata, Woohoo! Glenn è vivo! Invece di Oh, sembra che tutti avessero ragione, e sì, questo spiega perché non era nel Parlare morto montaggio e perché i produttori stavano facendo commenti così obliqui e perché Steven Yeun è stato visto sul set, e anche che trucco intelligente da parte dei produttori per tagliare il suo nome dai titoli di testa per tre episodi, complimenti. Avrei preferito il Woohoo! reazione.

Ad ogni modo, Glenn trascina con sé un riluttante Enid per tornare ad Alexandria per vedere se Maggie è sopravvissuta a qualsiasi disastro ovviamente avvenuto lì. Enid è petulante e cupa e praticamente tutto. Non è così drammatico e strano, come essere un'adolescente nell'apocalisse? Esteriormente, è diventata nichilista, immaginando che il mondo stia cercando di morire. O davvero, come dice Glenn, è solo stanca di perdere persone e non si lascerà avvicinare di nuovo a nessuno. In ogni caso, ha chiaramente passato molto tempo a vagare fuori dalle mura ad accumulare roba. Utile per Glenn, ma comunque strano da morire.

Glenn, citando il fatto che Maggie non l'avrebbe lasciata indietro, il che è piuttosto irrilevante, perché nemmeno lui l'avrebbe fatto, la convince a tornare, ma non prima di passare dal punto di incontro del piano di pastori di vaganti, contrassegnato dal verde palloncini. Il che potrebbe anche avere un segno utile in seguito appeso a loro, perché non sembra esserci alcuno scopo particolare per loro di portarli con sé in questo momento. Enid decide comunque di far saltare in aria altri 10 di loro (con un serbatoio di elio convenientemente lasciato dietro) per la vaga ragione che saranno una distrazione per i vaganti. O qualcosa.

Ad ogni modo, quando arrivano ad Alessandria, circondati da un'orda impenetrabile di vaganti, possono usare i palloncini per segnalare a Maggie, che ha tenuto costantemente d'occhio il muro. Sarebbe stata una riunione fantastica, tranne per il fatto che Rick e compagni hanno avuto a che fare con circa 100 diverse crisi all'interno della città, e tutte arrivano al culmine nello stesso momento in cui Enid rilascia i palloncini.

Crisi n. 1: Spencer, il figlio idiota di Deanna, si fa anticonformista con un pessimo piano da solista per andare oltre il muro di vaganti, oscillando attraverso una corda tesa su un altro tetto. Ma ovviamente la corda si rompe e poi tutti devono arrampicarsi per assicurarsi che non muoia. Tara (non sta ancora facendo un ottimo lavoro nel nascondere la gravidanza di Alanna Masterson) spara a un gruppo di vaganti, e Rick la mastica per questo, ma soprattutto solo perché è frustrato dal fatto che non possa usare la distrazione per fare una pausa per farlo. una macchina e portare via i vaganti. Se fosse stato qualcun altro, potrebbe averlo fatto, ma non può lasciare che il leader della comunità perda il suo ultimo membro della famiglia vivente. Deanna, i cui occhi sono ora fermamente e donchisciotteschi rivolti al futuro nonostante le attuali gravi difficoltà della città, non è soddisfatta di questa logica.

Crisi n. 2: Il circolo ristretto ha ormai capito che il pacifismo di Morgan è un problema: ha lasciato andare alcuni lupi invece di ucciderli, e poi si sono presentati per rovinare il piano di Rick di usare il camper per portare via la mandria, ma lui rimane per lo più incrollabile nelle sue convinzioni fondamentali. Il che non sta bene con la dura assassina Carol, e quando vede Morgan che intrufola la dottoressa Denise in un appartamento chiuso a chiave, i suoi sospetti vengono suscitati. Dopo una deviazione per lasciare la piccola Judith con Jessie e lasciare un po' più di saggezza crudele al piccolo Sam, lei arriva e affronta Morgan riguardo al lupo che ovviamente non sta solo nascondendo ma ricevere cure mediche per all'interno della loro città presumibilmente sicura.

Crisi n. 3: l'adolescente orribile e pieno di rabbia Ron decide di nascondere la sua gelosia e odio con il pretesto di volere che Rick gli insegni a sparare, ma solo così può mettere le mani su una pistola. Per non rinunciare al suo trofeo del peggior adolescente dell'Apocalisse così facilmente, Carl si comporta come una piccola merda superiore, intromettendo commenti inutili su come sa già tutto questo durante la prima lezione di sicurezza delle armi di Ron. Il che è solo un ulteriore stimolo per Ron. Entra nell'armeria, ruba alcuni proiettili e inizia a inseguire Carl, pistola estratta.

A dare lezioni di armi, per inciso, c'è anche Rosita, che sta insegnando a Eugene e ad alcuni degli alessandrini come maneggiare un machete. Una scena usa e getta che è notevole solo perché significa che Rosita ottiene effettivamente alcune battute per cambiare. Probabilmente come compensazione per il fatto che Abraham sta per tornare in città con un gioco di ruolo a tracolla e rompere con lei.

Crisi n. 4: Padre Gabriel continua ad essere una persona che esiste.

Ma tutte queste crisi sono riassunte e simboleggiate da quella grande: l'edificio appena fuori le mura, quello contro cui i Lupi si sono schiantati con il loro rimorchio del trattore, sta lentamente, scricchiolando cadendo a pezzi, una crepa nel suo centro ne fa esplodere un pezzo pezzo scheggiato proprio come Alessandria si frammenta metaforicamente dall'interno. E proprio quando Maggie spia i palloncini che fluttuano sopra la testa e sa che Glenn è vivo, proprio mentre Ron estrae la pistola e Carol affronta Morgan, la torre dell'edificio si libera e fa cadere una sezione del muro. Ironia della sorte, Rick ha passato l'intero episodio a costruire sostegni per puntellare una vicina sezione di muro, un gesto reso immediatamente inutile. Le mura sono crollate e i vaganti, migliaia di loro alle porte, stanno per affluire.

Articoli Interessanti