Principale Innovazione La verità dietro le dimissioni di Bari Weiss dal 'NYT'

La verità dietro le dimissioni di Bari Weiss dal 'NYT'

L'edificio del New York Times è stato visto il 30 giugno 2020 a New York City.Johannes Eisele/AFP Via Getty Images



Bari Weiss, opinionista e opinionista di centrodestra, si è dimessa dal suo redditizio e potente trespolo a Il New York Times , molto probabilmente per prendere a redditizio e potente posarsi altrove . Chi ha familiarità con il suo lavoro non sarà sorpreso di apprendere che la sua uscita è accompagnata da una lettera di dimissioni pubblica che critica i critici di Twitter, altri Volte membri dello staff e quella che lei descrive come una nefasta cultura di intolleranza e bullismo a sinistra. Quella cultura, lei avverte , è di cattivo auspicio, soprattutto per i giovani scrittori ed editori indipendenti che prestano molta attenzione a ciò che dovranno fare per avanzare nella loro carriera. Poi mormora cupamente del nuovo maccartismo. (Lei non menziona, anche se presumibilmente sa, che il vecchio maccartismo era diretto non contro i centristi, ma contro i sinistri come quelli che lei stessa prende di mira.)

La lettera di Weiss pretende di riguardare la libertà di parola. Ma in realtà si tratta di deferenza. Weiss pensa che le classi chiacchierone, a cui lei appartiene, siano gli oratori più importanti, e che la critica nei loro confronti minacci la libertà. Le importa meno se i dipendenti minori, con piattaforme più piccole, sono in grado di parlare. La sua preoccupazione non è che la libertà di parola sia limitata per tutti. È che il discorso dei potenti può essere bilanciato da quello degli altri, portando al caos, al governo della folla e (orrori!) A un mondo più giusto.

La lettera danza intorno all'evidente cambiamento al ADESSO che presagiva la sua partenza. Weiss, come nota, è salita a bordo del giornale dopo l'elezione di Trump insieme all'ex opinionista James Bennet. Il compito di Bennet era quello di aggiungere voci più conservatrici. Molti membri dello staff, tuttavia, pensavano che pubblicasse scritti scadenti semplicemente per troll lettori liberali. È un'accusa ragionevole dato che uno dei suoi assunti, Bret Stephens, ha iniziato il suo mandato con una colonna di negazione del cambiamento climatico .

LEGGI ANCHE: Le azioni Tesla sono sopravvalutate di oltre il 100%, avvertono i migliori analisti di Wall Street

Allo stesso modo, all'inizio di giugno, il New York Times ha pubblicato un editoriale del senatore dell'Arkansas Tom Cotton chiamando che Trump invii truppe nelle città americane per reprimere la violenza associata alle proteste nazionali contro la brutalità razzista della polizia.

L'editoriale ha scatenato una rivolta del personale , guidato da giornalisti neri. Ai giornalisti del New York Times è stato detto non criticare la sezione editoriale in pubblico , quindi i giornalisti che parlavano contro la colonna hanno rischiato la disapprovazione della direzione. Tuttavia, sfidando i loro capi, i lavoratori hanno iniziato a twittare il messaggio che l'editoriale metteva in pericolo i giornalisti neri incoraggiando la violenza contro i manifestanti. Era un'azione sindacale specifica, ma importante.

I critici hanno anche sostenuto che il pezzo era giornalismo sciatto; Cotton ha affermato che i radicali antifa si erano infiltrati nella protesta, un pezzo di disinformazione conservatrice che aveva lo stesso Times confutato . Le critiche esterne ed interne si sono rivelate troppe e Bennet rassegnato .

Bennet assunse Weiss. È nel contesto della sua partenza che dobbiamo leggere la sua lettera, che è in gran parte un attacco ai suoi colleghi. Nello specifico, sostiene che il Times avrebbe dovuto fare di più per frenare il discorso dei coetanei. I dipendenti del New York Times mi diffamano pubblicamente come un bugiardo e un fanatico su Twitter senza paura che molestarmi venga accolto con azioni appropriate, dice. Lei sta letteralmente chiedendo il Volte per impedire alle persone del giornale di criticarla, sulla base del fatto che non le piace la critica e pensa che sia sbagliata. Non sembra libertà di parola.

La stessa Weiss non è stata timida nel criticare gli altri al Volte . Dopo il licenziamento di Bennet, ha usato Twitter per caratterizzare coloro che sono stati sconvolti dall'editoriale come risvegli sotto i 40 anni, una caratterizzazione ampia e offensiva. Ancora una volta, i giornalisti non dovrebbero criticare gli opinion writer, il che significava che Weiss stava insultando i suoi colleghi in un forum in cui rispondere potrebbe metterli nei guai con la direzione. Tuttavia, molti contestato le sue affermazioni. Weiss ha risposto, alla fine, con la lettera stessa, in cui denuncia apertamente i suoi coetanei come totalitari codardi che secondo lei hanno creato un ambiente di lavoro ostile.

Weiss e altri del Times hanno punti di vista amaramente divergenti sullo scopo della sezione editoriale del giornale. Ma oltre a questo, hanno opinioni diverse su cosa significhi libertà di parola. Weiss crede che significhi che gli esperti ben posizionati, che sono stati etichettati come importanti, dovrebbero essere in grado di dire tutto ciò che vogliono dalla piattaforma giornalistica più importante della nazione, senza alcuna interferenza da parte delle persone che lavorano su detta piattaforma. I colleghi di Weiss, al contrario, credono che dovrebbero avere voce in capitolo su ciò che il loro lavoro sostiene e su come l'istituzione a cui contribuiscono utilizza il valore e la reputazione che contribuiscono a creare.

Le persone con più accesso a un pubblico sono persone potenti e naturalmente sono in grado di inquadrare la libertà di parola come una risorsa principalmente per coloro che hanno istruzione, influenza e piattaforme di grandi dimensioni. L'editore cederà alla mafia, avverte Weiss, ma la mafia di cui sta parlando sono i suoi colleghi meno potenti, meno ben collegati e in particolare meno bianchi. Le persone che lavorano al giornale, specialmente i neri che lavorano al giornale, hanno parlato di un pericolo per il loro lavoro, perché si preoccupavano dei loro colleghi, del loro posto di lavoro e del loro paese. Weiss pensa che le loro voci siano un pericolo per la libertà di parola. Ma penso che quando i lavoratori possono rispondere ai potenti, siamo tutti più liberi.

Articoli Interessanti