Principale Divertimento A Tribe Called Quest ha scatenato la relazione amorosa dell'hip-hop con il jazz su 'Low End Theory'

A Tribe Called Quest ha scatenato la relazione amorosa dell'hip-hop con il jazz su 'Low End Theory'

Una missione richiesta dalla tribù.Foto: Schermata/YouTube



L'ultimo anno di liceo è memorabile quanto la sua colonna sonora.

Per il Classe 1992 piovevano capolavori il nostro ultimo anno: Non importa, Usa la tua illusione I e II , Achtung Baby, Non possiamo essere fermati, Apocalypse 91: The Enemy Strikes Black, Cypress Hill, Badmotorfinger, Ten, Bandwagonesque, Steady Diet of Nothing, Laughing Stock, Metallica, Blood Sugar Sex Magic, Angel Dust, Check Your Head, Desiderio, l'elenco potrebbe continuare all'infinito.

Ma forse nessun altro disco quell'anno ha avuto un impatto maggiore sul clima musicale del leggendario secondo LP di A Tribe Called Quest, La teoria della fascia bassa .

Soprattutto per questo anziano in particolare, che stava guidando per la scuola per la prima volta. Se uscivi nel parcheggio prima dell'aula scolastica o dopo il licenziamento nel 1991, La teoria della fascia bassa un punto fermo inconfondibile che sentivi tutti sbattere fuori dalle loro auto, soprattutto se avevano un bel kickerbox nel bagagliaio.

Cos'è che ha reso questo LP più importante della Tribe così bello in un sistema in forte espansione? Beh, quei battiti, ovviamente. Quei groove perfetti e pieni di sentimento creati da Ali Shaheed Muhammad per MC's Q-Tip, Phife Dawg e Jarobi White per far cadere la scienza, stabilendo ritmi così tipicamente allineati con ciascuno dei loro flussi altamente distintivi.

Quasi nessuno di noi nell'autunno del 1991 stava ascoltando molto jazz, almeno nella mia cerchia di amici. Ma la cosa divertente è che, mentre eravamo tutti fuori di testa con brani preferiti come Buggin' Out, Check the Rhime, Everything Is Fair e, senza dubbio, l'epico, epico posse cut Scenario che chiude l'album, tutti coloro che hanno speso una quantità significativa di tempo con La teoria della fascia bassa stava ricevendo una seria educazione all'apprezzamento del jazz, che lo sapessero o meno.

Tribe ha influenzato una generazione di giovani che non erano mai stati realmente esposti al jazz. Erano i pionieri di una moderna generazione hip-hop non ossessionata dalla violenza. —Jameio Brown

Per i laici che hanno suonato questo disco in passato, è probabile che il fatto che ognuna di queste canzoni contenga almeno un campione jazz fosse di minima preoccupazione. Tuttavia, per chiunque sia cresciuto su Il L.E.T., che fosse di prima, seconda o terza mano, era la quintessenza della droga d'ingresso nella forma d'arte e nel suo universo infinito di registrazioni classiche che comprendeva il suo corredo genetico.

I Tribe non sono stati il ​​primo gruppo hip-hop a campionare un disco jazz. Ma sono stati certamente i primi a presentare un gigante autentico del mestiere come la leggenda del contrabbasso Ron Carter in una canzone come Verses From The Abstract. Carter ritorna anche in forma pre-registrata su Skypager, che riprende da 17 West di Eric Dolphy con l'uomo al basso.

Un quarto di secolo dopo , Il Theroy di fascia bassa è onnipresente nel linguaggio del jazz moderno come Tipo di blu e Un amore supremo, la sua perfetta fusione di beat e bop fornisce i semi per futuri grandi come Digable Planets, J Dilla , Madlib, Greg Osby, The Roots, Flying Lotus, Muco , Kendrick e D'Angelo per offuscare ulteriormente il confine tra jazz e hip-hop in modo ancora più organico rispetto ai primi anni '90. Nel 2016 i generi si annodano oltre il punto di non ritorno.

In commemorazione del suo anniversario d'argento, l'Braganca ha parlato con diverse figure moderne della scena jazz, oltre a una citazione esclusiva di Carter sulla sua esperienza di registrazione con Tribe, sull'impatto La teoria della fascia bassa ha avuto su questa musica americana più distintiva poiché l'artigianato gode di uno dei suoi periodi più innovativi ed esplorativi dall'era disco/new wave.