Principale Arti Tre donne che meritano il 'primo' premio del Brooklyn Museum molto più di Miss Piggy

Tre donne che meritano il 'primo' premio del Brooklyn Museum molto più di Miss Piggy

Miss Piggy: 'Moi? (Per gentile concessione: DisneyWiki)



manda la cacca in una scatola

1x1 pixel

Guarda, ho capito. Tutti oltre una certa età amano i Muppet. Gonzo è esilarante, così come lo strano chef svedese. E, naturalmente, HIIIIIIYAAA di Miss Piggy! il karate chop è un materiale da non perdere. Era la Boe per tutti gli altri Larry e Curly.

Ma sfortunatamente, ora sento il bisogno di ricordare agli adulti di tutto il mondo che il personaggio che conosciamo come Miss Piggy è fatto di schiuma, stoffa e plastica. Questo burattino era per la maggior parte animato dalla mano nodosa e dalla voce in falsetto di Frank Oz, il maestro burattinaio che insieme a Jim Henson e una manciata di altri ha creato il memorabile e acclamato Sesame Street e Lo spettacolo dei Muppet.

Come genitore di due figlie in età prescolare, posso attestare che entrambi gli spettacoli sono meravigliosi per i bambini e che Miss Piggy (nonostante la sua ossessione per il matrimonio tradizionale) è generalmente un'ammirevole rappresentazione femminile in un mezzo pieno di personaggi deplorevoli di entrambi i sessi.

Ma dai, Brooklyn Museum!

Sopra4 giugno, Il Sackler Center for Feminist Art al Brooklyn Museum conferirà il suo primo premio annuale, che presumibilmente onora le donne che sono le prime nel loro campo, a Frank Oz e alla sua mano in incognito. La grande Gloria Steinem intervisterà il vincitore. Ci è stato detto che Kermit sarà presente. Il Museo di Brooklyn. (Per gentile concessione di WallyG / Flickr)



È possibile che il Sackler Center, guidato dalla presidente del museo Elizabeth Sackler e MS. Steinem, hanno esaurito le donne vere da premiare per il loro lavoro pionieristico? Il premio inaugurale è stato assegnato nel 2012, quindi è improbabile. Forse hanno appena finito le idee, dal momento che hanno onorato 15 donne quell'anno inaugurale (tra cui l'ex giudice della Corte Suprema Sandra Day O'Connor).

Qualunque sia la ragione (e fermiamoci qui per ringraziare sinceramente il gruppo Henson per un programma di sovvenzioni artistiche robusto e generoso), ci sono sicuramente tre persone viventi, e almeno un gruppo, che avrebbero dovuto ricevere questo premio prima del burattino di Frank.

In effetti, possiamo citarne alcuni che sarebbero l'ideale:

Carolee pupazzo di neve

Schneemann è una rivoluzionaria artista femminile di video e performance, e forse anche la prima artista a usare il proprio corpo nudo nella sua arte nelle sue prime performance e video, 1963 Occhio Corpo e del 1964 Gioia di carne . Anche se oggi potrebbe non sembrare un grosso problema, prima di Schneeman, il nudo nell'arte risalente al Rinascimento era generalmente pensato per essere l'immagine di una donna creata da un uomo. Schneemann è stata probabilmente la prima donna a prendere effettivamente il controllo della visione del proprio corpo nudo, del suo significato e della sua presentazione. Questa è stata una fonte d'ispirazione per innumerevoli artisti sia femminili che maschili. Star affermate come Janine Antoni e Marilyn Minter, ma anche giovani artisti come Laurel Nakadate e Donna Huanca devono molto a lei.

Non del mondo dell'arte, ma un'icona pura e semplice, King detiene molti primati: prima atleta professionista a dichiararsi lesbica, prima atleta donna a guadagnare $ 100.000 in premi in denaro e la prima donna E prima tennista ad essere nominata Sports Illustrated's sportivo dell'anno. Ha vinto 39 titoli del Grande Slam durante la sua carriera ed è stata classificata al primo posto al mondo per cinque anni, ma è forse la più famosa per aver battuto l'allora invecchiata star del tennis Bobby Riggs in un match promozionale del 1973 che è stato soprannominato Battle of the Sexes. È stato un momento di ispirazione per tutte le donne di quell'epoca e King sapeva quanto fosse importante per il movimento femminista, affermando che pensavo che ci avrebbe riportato indietro di 50 anni se non avessi vinto quella partita.

Eve Ensler

Questo è un gioco da ragazzi. Il creatore del grande successo Vagina Monologues, un'opera teatrale che ha debuttato in un seminterrato del West Village ed è stata acclamata in tutto il mondo nelle rappresentazioni in diverse dozzine di paesi. Nel 2006, il New York Times scriveva: Il suo collage di testimonianze sulla cultura del silenzio che circonda la violenza sessuale contro le donne è probabilmente il pezzo più importante di teatro politico dell'ultimo decennio.

Ovviamente Ensler ora guida il follemente popolare gruppo di attivisti One Billion Rising, che ha reclutato migliaia di donne per fare campagne per la fine della violenza contro le donne in oltre 200 paesi in tutto il mondo. Hanno fatto di tutto, dall'organizzazione dei loro eventi Rise (più o meno feste da ballo) alla modifica delle leggi sullo stupro in alcuni paesi. Roba incredibile.

Invece di nominare una donna, perché non quadri potenti? Questo laborioso gruppo anonimo di artiste femministe è stato il primo del suo genere nel mondo dell'arte e ha portato alla luce la disuguaglianza di genere e razziale dal 1985 senza accennare a fermarsi. Il gruppo è stato formato in risposta alla mostra del 1984 del Museum of Modern Art, An International Survey of Recent Painting and Sculpture, che includeva solo 13 artiste su 169 in totale (vergognati al MoMA!)

Protestando in maschera da gorilla per evitare ritorsioni, le Girls hanno di fatto avviato innumerevoli dibattiti sull'argomento e hanno contribuito a migliorare, seppur di poco, la situazione. Dopo un successo marginale con le proteste, il gruppo ha utilizzato poster, opuscoli e altre forme di media diretti per trasmettere in modo più efficace il proprio messaggio. Sono probabilmente più conosciuti per il loro poster di protesta del Metropolitan Museum of Art del 1989 che recita Le donne devono essere nude per entrare al Met Museum?

La loro identità mascherata dà loro il potere di nominare nomi, dare numeri e portare persone e organizzazioni a compiti, cosa che fanno con dettagli rigorosi. Chiaramente loro (e noi) hanno ancora molto lavoro da fare, ma le Guerrilla Girls dovrebbero essere lodate per la loro parte rivoluzionaria nel processo.

Articoli Interessanti