Principale Film Rob Brydon ripensa alla serie 'The Trip' e scambia insulti con Steve Coogan

Rob Brydon ripensa alla serie 'The Trip' e scambia insulti con Steve Coogan

Steve Coogan e Rob Brydon in Il viaggio in Grecia. Film IFC



sotto il filtro dell'acqua del lavandino

In un'era di fama virale istantanea, Rob Brydon ha intrapreso una strada molto lunga e tortuosa per diventare famoso negli Stati Uniti.

Nel 2009, Brydon è stato un comico di successo e una star di sitcom con un solido seguito nel Regno Unito. Quindi ha collaborato con Michael Winterbottom, il prolifico regista, e Steve Coogan, un collega attore comico britannico di fama leggermente più internazionale, per una miniserie della BBC chiamata Il viaggio . Inizialmente un progetto una tantum, è diventato un decennio a fasi alterne di viaggi in tutta Europa. I ragazzi hanno visitato resort esotici e monumenti nascosti mentre si rimpinzavano di cucina locale, duellavano attraverso le impressioni di attori vincitori di Oscar e recitavano brani di grandi opere letterarie, e si punzecchiavano a vicenda sulle loro varie carenze.

Non potrebbe sembrare più di nicchia, ma Il viaggio serie—con puntate nell'Inghilterra settentrionale, in Italia, in Spagna e ora in Grecia—ha colpito il pubblico di tutto il mondo in un decennio pieno di sconvolgimenti economici, disaffezione e meme. Durante i loro viaggi, Brydon e Coogan si divertono e scherzano mentre lavorano sulle loro frustrazioni personali e professionali: è tutto un mockumentary leggermente sceneggiato, con versioni esagerate dei due uomini e dei loro problemi.

GUARDA ANCHE: 10 anni fa, 'Lost' ha detto la fine

Coogan, meglio conosciuto per il suo personaggio iconico e idiota di presentatore televisivo Alan Partridge, è un divorziato che è raffigurato nella serie come perennemente frustrato dall'inafferrabilità della vera fama internazionale; Il viaggio La versione di Brydon è un padre felice di un neonato che è contento del suo livello di fama, che è derivato in gran parte dall'interpretare personaggi dolci (anche se a volte spessi) di lavoratori e dal dare voce a una varietà di voci nei programmi TV e radio. Tuttavia, ha i suoi problemi, che diventano evidenti nel tempo. Sono due uomini privilegiati che lottano con problemi di classe superiore, ma la loro vulnerabilità e i loro errori sono universalmente riconoscibili, specialmente quando il pubblico siede a casa, isolato e in molti casi completamente senza lavoro.

Tutte e quattro le miniserie TV sono state ridotte in film che sono stati successivamente rilasciati negli Stati Uniti e il quarto (e presumibilmente ultimo) episodio della serie, Il viaggio in Grecia , diventa disponibile su richiesta il venerdì. Braganca ha parlato con Brydon dei viaggi attraverso The Trip, di ciò che ha imparato durante il processo, degli insulti che sono andati troppo oltre e di come il suo vero io differisca dal Rob Brydon che ha interpretato sullo schermo.

Braganca: I dialoghi sono in gran parte improvvisati, ma man mano che la serie è andata avanti, è diventata più collaborativa in termini di scrittura degli archi dei personaggi e dei viaggi che vuoi che queste versioni immaginarie di te stesso facciano?

Rob Bridon: Sono scritti da Michael, è molto lui. Lo coloriamo, lui lo disegna e lo coloriamo. Non parliamo molto di dove vanno i personaggi, ci dà un documento all'inizio. Quindi per la Grecia, ha detto che stai seguendo la rotta di Ulisse. Questi sono i posti in cui andrai, ci sono alcune cose legate alla trama che accadono in questo, si basa su qualcosa che accade alla fine, che influenza ciò che accade verso la fine. E poi con le cose che dobbiamo dire per la trama, queste sono le parole di Michael. Ma poi quando si arriva alle cose divertenti, le cose che le persone citano, sono quasi tutte improvvisate.

Le impressioni delle celebrità sono una parte così importante della serie. Mi ha colpito il fatto che stavi facendo in gran parte impressioni di persone di una generazione più grandi di te, per lo più inglesi, ma ora sei in qualche modo entrato nelle posizioni in cui erano tutti questi anni dopo.

La cosa delle impressioni che mi piacciono è che sono quasi sempre molto affettuose. Alcune persone usano le imitazioni come strumento per criticare qualcuno, come Trump o chiunque altro. Se sto facendo la voce di qualcuno, è sempre la persona che mi piace. E penso che in Il viaggio in Italia , noi come Roger Moore e Michael Caine, parlando del passare del tempo, trovo che sia abbastanza toccante perché suppongo che stiamo parlando con le voci di questi uomini cinematografici a cui siamo cresciuti guardando.

Quindi quella scena in cui parliamo della morte di [il regista britannico] Michael Winner, è tutto piuttosto malinconico, ma penso che sia piuttosto adorabile. E in un certo senso, stiamo parlando di noi stessi e della consapevolezza che un giorno uno di noi andrà prima dell'altro. A meno che entrambi non veniamo coinvolti in uno strano incidente sugli sci, l'altro verrà lasciato indietro. È quel lato malinconico, la lotta con la mortalità a cui sono molto affezionato.

Questa intervista è stata condensata per chiarezza.

Il viaggio in Grecia è disponibile su VOD venerdì 22 maggio.

Articoli Interessanti