Principale Divertimento 'The Promise' è un miscuglio epico di guerra, storia e romanticismo

'The Promise' è un miscuglio epico di guerra, storia e romanticismo

Oscar Isaac e Charlotte Le Bon in La promessa .Jose Haro



Ambientato durante la prima guerra mondiale e il declino dell'impero ottomano, La promessa, un miscuglio epico di guerra, storia e romanticismo che cataloga gli orrori del genocidio armeno perpetrato dai selvaggi turchi non è esattamente quello che definirei un successo commerciale infallibile con un appeal illimitato al botteghino. Ha una lunghezza faticosa che deve essere tagliata. Ma, cosa più importante, ha anche la guida dell'acclamato regista e sceneggiatore irlandese Terry George, che ha dimostrato con Hotel Ruanda che può affrontare il tema straziante del genocidio con risultati cinematografici elettrizzanti. Un cast meraviglioso aggiunge uno smalto impeccabile.


LA PROMESSA ★★★

(3/4 stelle )

Diretto da: Terry George

Scritto da: Terry George e Robin Swicord

Protagonisti: Oscar Isaac, Charlotte Le Bon e Christian Bale

Tempo di esecuzione: 133 minuti.


Nell'anno 1914, in un villaggio metà turco e metà armeno in Turchia, Oscar Isaac interpreta Michael Bogosian, un farmacista povero ma dotato che fa medicina con erbe e ramoscelli, ma sogna di studiare medicina moderna a Costantinopoli (oggi Istanbul, nel caso non lo sapessi). Michael è ambizioso ma così al verde che paga il viaggio con la dote di un matrimonio combinato con una ragazza che conosce appena e non ama. In città, fa due nuovi amici: Chris (Christian Bale), un fotoreporter americano entusiasta di coprire le atrocità della guerra in arrivo, e la sua ragazza Ana (bella e graziosa Charlotte Le Bon), una sofisticata compagna armena che vive da anni a Parigi. Questo attraente trio entra in una pericolosa relazione romantica con torride tensioni sessuali, distratto dal crescente esercito turco che mira a spazzare via violentemente gli armeni, e dal senso di colpa di Michael per la ragazza a casa che sta finanziando i suoi studi. Il film segue l'arduo viaggio di Michael nella sua città natale e il suo matrimonio riluttante, il lavoro di Chris per l'Associated Press che include la copertura di uno dei massacri più raccapriccianti mai catturati nel film e l'umana dedizione di Ana nel salvare vite mentre si impegna a proteggere la orfani intrappolati in una missione protestante nella zona di guerra. Mentre il signor George ondeggia tra le lotte incrociate dei tre bei protagonisti per trovare l'amore, e l'aggressione atroce dei turchi, compresi gli sforzi per riscuotere le polizze di assicurazione sulla vita emesse dalle compagnie di assicurazione armene, c'è spesso troppa storia assorbire, troppi dettagli da raccogliere e molta confusione che ne deriva. (Non ho mai compreso appieno il ruolo svolto dai tedeschi in tanta aggressione razziale e guerra civile, sebbene il loro odio per gli armeni sia chiaramente un preludio alla tragedia dell'Olocausto pochi anni dopo.) Tuttavia, il signor George è un tale meticoloso regista che non appesantisce lo spettatore con un dossier di fatti troppo denso da seguire. Sai sempre chi sono i buoni e i cattivi.

Tuttavia, affollando così tanta storia in un film e raccontando ancora una storia avvincente, è stato necessario prendersi alcune libertà concrete. Attenzione: i personaggi principali, Michael e Ana, e le loro famiglie sono immaginari. Oscar Isaacs e Charlotte LeBon sono così magnetici e convincenti da farti credere il contrario. Il personaggio di Chris Meyers interpretato da Christian Bale è un composito di veri reporter AP dell'epoca. Altri personaggi, tra cui l'ambasciatore degli Stati Uniti che si oppose ai turchi, l'ammiraglio francese che guidò il salvataggio via mare di 4.000 rifugiati armeni e il sindaco armeno che guidò la resistenza, sono tutti reali. Così sono gli incidenti più strazianti, tra cui le corazzate tedesche, gli arresti di massa, il lavoro forzato dei prigionieri armeni sulla ferrovia tedesca da Berlino a Baghdad e le marce della morte nel nord della Siria. Distillare così tante informazioni di fatto pur concentrandosi su quel triangolo amoroso centrale tra le tre stelle, si traduce in un film che, secondo me, a volte è estenuante. Ma Terry George rimane un regista che ammiro, e come vanno i film, l'integrità e l'importanza di La promessa sono irrevocabili.

Articoli Interessanti