Principale Innovazione L'economia statunitense è 'giusta' rispetto ad altri paesi?

L'economia statunitense è 'giusta' rispetto ad altri paesi?

Negli ultimi anni, ci sono stati molti rapporti che sostengono che la Cina ha superato, o è pronta a passare, gli Stati Uniti per la prima tappa. Quanto è vicino il drago dal volare oltre l'aquila?Spencer Platt/Getty Images



Gli Stati Uniti potrebbero aver evitato una recessione nel 2019, ma come sta andando l'economia americana rispetto ad altri paesi? Il valore dell'economia degli Stati Uniti è migliore e quanto è forte il tasso di crescita dell'America? Cina, India, Giappone e paesi europei sono pronti a superare gli Stati Uniti nel 2020? E cosa può spiegare la posizione economica in cui si trova attualmente l'America?

VEDERE ANCHE: Cercare di prevedere un'imminente recessione è una cattiva scommessa? Chiedi ai giocatori d'azzardo.

L'economia americana è la migliore al mondo?

Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno avuto l'economia più forte del mondo. Ma è ancora così? Secondo Caleb Silver con Investopedia , l'America controlla il primo posto nella classifica del Prodotto Interno Lordo (PIL) o il valore della somma di beni e servizi in un paese. Al secondo posto troviamo la Cina, poi il Giappone, la Germania e l'India. A completare la top 10 ci sono Regno Unito, Francia, Italia, Brasile e Canada. Russia e Corea del Sud perdono appena una classifica nella top 10.

Questo status economico, basato sul PIL di un paese (determinato dal World Economic Outlook Database dell'FMI), è importante per la posizione di un paese nel mondo. Questa analisi rivela che queste economie sono il motore della crescita, comandando la maggior parte della ricchezza globale, ha scritto Silver. Il PIL nominale delle prime 10 economie ammonta a circa il 66% dell'economia mondiale... le prime 20 economie contribuiscono per quasi il 79%. Il resto dei paesi del mondo, quasi 175 di numero, costituisce il resto del potere economico mondiale, appena il 20%.

Gli Stati Uniti rimarranno il numero uno?

Negli ultimi anni, ci sono stati molti rapporti che sostengono che la Cina ha superato, o è pronta a passare, gli Stati Uniti per la prima tappa. Quanto è vicino il drago dal volare oltre l'aquila?

Emma Londra scrivere per CEOWorld Magazine ha qualche idea in proposito. Dal 2003 al 2018, gli Stati Uniti hanno tenuto il primo posto nelle classifiche mondiali e Londra ritiene che probabilmente manterremo il primato di avere l'economia più forte nel 2023 e nel 2028. Ma entro il 2033, la Cina probabilmente supererà gli Stati Uniti in quanto ha il mercato più grande del mondo.

Ciò potrebbe spaventare gli americani, ma ricordo una proiezione basata sui tassi di crescita del PIL che vedeva la Cina superare l'America nel 2007 o nel 2008. E l'America non è l'unico paese che ha bisogno di guardarsi alle spalle. Il Giappone, che aveva mantenuto il secondo posto fino a quando non è stato abbassato di una tacca dalla Cina, è probabile che cada al quarto posto entro il 2033, poiché l'India (attualmente settima) potrebbe probabilmente superare Germania, Regno Unito e Francia, secondo il CEOWorld Magazine classifiche.

Misurazione del PIL pro capite: l'America e i suoi rivali

La Cina potrebbe superare gli Stati Uniti nel PIL complessivo entro il 2030, ma è una storia diversa quando si tratta di PIL pro capite. Cosa succede quando si divide l'economia per la popolazione di un paese?

In una ricerca di Statistics Times , in base ai dati del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la Cina si trova al 70° posto a livello mondiale per PIL pro capite, a 10.099 dollari. La Cina è molto indietro rispetto all'America con $ 65.112. Del resto, la Cina segue Malesia, Messico e persino Romania, Costa Rica e Cile. La Russia, al 66° posto, non è molto meglio, con entrambi i titani militari al di sotto della media mondiale per il PIL pro capite.

Ma gli Stati Uniti non occupano nemmeno il primo posto per il PIL pro capite. Nel 2019, l'FMI ha classificato al primo posto il Lussemburgo, seguito da Svizzera, Norvegia, Irlanda, Qatar e Islanda (insieme a Macao, se si conta quell'area), quindi gli Stati Uniti. Nei prossimi cinque anni, gli Stati Uniti dovrebbero aumentare di un livello, ma solo perché si prevede che l'Islanda diminuirà. Singapore e la Danimarca saranno vicine a catturare l'America. Quando si tratta di parità di potere d'acquisto, gli Stati Uniti escono dalla classifica dei primi 10, scendendo all'11° posto al mondo.

Quanto è forte il tasso di crescita dell'America?

Il tasso di crescita dell'economia degli Stati Uniti per il 2019 è stato piuttosto basso rispetto ad altri paesi. Il FMI ha trovato che il tasso di crescita per gli Stati Uniti è stato del 2,35%, buono per il 115esimo posto nel mondo su 193 paesi. L'America era dietro sia la Repubblica Ceca che la Slovacchia, così come il Marocco, il Belize, lo Sri Lanka e l'Algeria.

Ma c'è un motivo per cui la classifica degli Stati Uniti è così bassa quando si tratta di tassi di crescita. Prima di tutto, altri paesi hanno avuto molto più spazio per crescere, avendo sperimentato la guerra, la povertà o entrambe nel recente passato. Le prime 10 economie in crescita sono Dominica, Sud Sudan, Ruanda, Bangladesh, Costa d'Avorio, Ghana, Etiopia, Nepal, Cambogia e Mauritania. Molti di questi paesi hanno avuto guerre civili, disastri naturali e altri motivi che avrebbero lasciato più spazio per la crescita.

Alcuni dei fattori del basso tasso di crescita americano esistono perché gli Stati Uniti hanno cercato di domare l'inflazione con la loro politica economica. Piuttosto che rischiare il caos economico e l'instabilità, gli Stati Uniti hanno storicamente concluso che il lento e costante vince la gara. Pochi in America desiderano tornare all'inflazione a due cifre degli anni '70 o all'iperinflazione dei paesi latinoamericani vicini a quel periodo.

Tuttavia, c'è spazio per gli Stati Uniti per migliorare la crescita. Storicamente gli Stati Uniti hanno registrato un tasso di crescita medio del 3,21% dal 1947 al 2019, secondo Trading Economics . Uno scarso tasso di crescita del primo trimestre ha generato timori legittimi di una recessione, stimolato, senza dubbio, da guerre commerciali , un arresto del governo e preoccupazioni per la curva dei rendimenti . La crescita è rimbalzata nel secondo trimestre (oltre il 3%) ma è tornata al 2% nel terzo e quarto trimestre del 2019.

L'America sta andando relativamente bene, mantenendo attualmente il primo posto di mercato e sembra tenere a bada la Cina per i prossimi anni. Ma il PIL pro capite ei tassi di crescita per gli Stati Uniti potrebbero essere migliori. La soluzione potrebbe essere una maggiore cooperazione politica internazionale e un lavoro di squadra politico interno.

John A. Tures è professore di scienze politiche al LaGrange College di LaGrange, in Georgia: leggi la sua biografia completa qui.

Articoli Interessanti