Principale Politica Come Ross Perot ha contribuito a far nascere il movimento MAGA di Donald Trump

Come Ross Perot ha contribuito a far nascere il movimento MAGA di Donald Trump

Ross Perot.Arnold Sachs/Immagini di notizie consolidate/Immagini di Getty



Quando l'ormai deceduto miliardario Ross Perot ha fatto un tuffo nella politica presidenziale negli anni '90, ha spianato la strada a un collega uomo d'affari senza esperienza elettorale per vincere la presidenza. Oltre ad avere entrambi legami con il Reform Party, le loro politiche economiche, personalità e capacità di ritagliare i media come intermediari e parlare direttamente al pubblico mostrano come il texano abbia consentito la candidatura e la vittoria di Donald Trump. Tuttavia, Trump ha anche dimostrato di poter imparare da Perot.

Due decenni prima del 1996 ebbi il mio primo incontro con Perot. Aveva appena finito di parlare all'auditorium della Florida State University, che era completamente gremito, e ha fatto una grande impressione sugli elettori più giovani. Poi mi sono diretto verso la stanza di overflow, dove gli amici lo stavano guardando in un altro auditorium in televisione, desiderando di vederlo di persona.

GUARDA ANCHE: Può un indipendente vincere un'elezione presidenziale?

Quando ho aperto la porta di quell'auditorium, mi sono girato e c'era Perot. Gli tenevo la porta aperta. Allungai la mano e gli strinsi la mano. Uno dei suoi addetti alla campagna, inorridito, ha detto: Gli hai solo stretto la mano... non stringe mai la mano. Perot quindi ha proceduto a dare un discorso improvvisato alla folla riconoscente che ora poteva dire di averlo visto. Ho imparato due lezioni: Perot era disposto a cambiare ed era abbastanza intelligente da visitare coloro che non erano abbastanza fortunati da vederlo in primo luogo. Entrambe erano lezioni che politici come Hillary Clinton non sembravano mai imparare.

Lezioni dal Texas Maverick

Quando l'ex CEO di EDS (Electronic Data Systems) e creatore di Perot Systems ha annunciato la sua candidatura, gli americani si stavano riprendendo da una recessione iniziata nel 1990. Il presidente del GOP George HW Bush ha avuto un calo di voti di approvazione dopo il suo successo nella guerra del Golfo Persico, e Bill Clinton, il governatore democratico dell'Arkansas, era più noto per i suoi scandali che per le sue politiche.

Perot ha sparato al Accordo Nord Americano per il libero commercio (NAFTA). Chiamandolo il gigantesco suono risucchiante dei lavori diretti dagli Stati Uniti al Messico, il minuscolo texano ha toccato una corda. Questo perché Bush e Clinton hanno entrambi sostenuto il NAFTA, e Perot ha fatto appello ai nazionalisti economici che Patrick Buchanan aveva scatenato nelle primarie del Partito Repubblicano e che si erano radunati al governatore della California Jerry Brown durante le battaglie per le nomine del Partito Democratico. Infatti Perot Per ha portato gli strateghi del GOP , come Ed Rollins della campagna di Ronald Reagan e Hamilton Jordan della campagna di Jimmy Carter, per il contributo del Partito Democratico.

Perot aveva poco entusiasmo per i conflitti in Medio Oriente , in netto contrasto con Bush, mentre Clinton rimase in silenzio, sperando che nessuno sollevasse il suo desiderio di evitare di partecipare alla guerra del Vietnam. Ed era molto contrario agli affari come al solito, nonostante avesse reclutato professionisti di entrambe le parti. Era uno stato d'animo anti-incumbent, e Perot era il beneficiario.

Chiaramente, Trump è stato in grado di attingere al fenomeno Perot. Molti dei suoi sostenitori sono elettori più anziani che ricordano bene Perot. È stato anche in grado di interpretare il populista economico, facendo una campagna contro il NAFTA, ma anche il libero scambio in generale, così come l'immigrazione, che era una questione resa popolare da Pat Buchanan nel 1992. E la posizione di Trump su Siria, Corea del Nord e Iran mostra che lui ha molto meno dell'entusiasmo per la guerra del tradizionale repubblicano, e falco democratico.

Il miliardario texano ha anche scelto di evitare i media scettici per trasmettere i suoi punti alla gente. Mentre Trump ha il suo account Twitter, Perot è diventato famoso per lo stile infomercial spot televisivi in ​​cui usava grafici e diagrammi semplicistici per spiegare il suo messaggio al popolo americano, senza giornalisti o esperti che mettessero da parte le sue argomentazioni. I suoi discorsi si sono concentrati sui sostenitori, evitando le conferenze stampa che stranamente i candidati tradizionali sembrano gradire. E ha vinto il primo dibattito contro Clinton e Bush facilmente, tenendo testa agli altri due.

Allora perché Perot non ha mai vinto le elezioni presidenziali?

Come Perot ha perso opportunità che Trump non ha sfruttato?

A differenza di Trump, Perot ha commesso alcuni errori che hanno condannato la sua candidatura. Mentre correva vicino in una corsa a tre uomini, Perot ha bruscamente abbandonato la competizione mentre Bill Clinton si è alzato, grazie alla scelta intelligente del democratico per il vicepresidente (Al Gore), un libro che descrive in dettaglio le sue posizioni ( Mettere le persone al primo posto ) che ha mostrato più sostanza dei grafici di Perot, e un lembo sul fatto che Perot abbia usato investigatori privati ​​per rintracciare i membri della famiglia Bush.

Perot rientrò in gara alla fine delle elezioni del 1992, ma il danno era fatto. Ha comunque ricevuto un impressionante 19 percento dei voti . Sebbene non abbia vinto un solo voto nel collegio elettorale, le prove rivelano che è stato perché il suo sostegno era diffuso in tutto il paese e non consolidato in una regione (come George Wallace nel 1968) o in un singolo stato (come il collega populista economico Robert M. La Follette nel 1924). Nel 1996, Perot rimase relativamente tranquillo, finendo il governatore del Colorado Dick Lamm nelle primarie del Reform Party dopo le grida di fallo di Lamm. Ha aspettato fino a tardi nel Elezioni del 1996 per fare la sua grande spinta e ritardare anche nei sondaggi e nei ritorni elettorali.

Trump ha quasi commesso un errore simile, saltando il dibattito sull'Iowa Caucus nel 2016 e perdendo di poco contro Ted Cruz. Ma Trump è rientrato nella mischia poco dopo e si è comportato molto meglio nel New Hampshire e nella Carolina del Sud, finendo ironicamente Jeb Bush. Mentre Perot preferiva aspettare le elezioni fino a quando non poteva saltare alla fine, Trump era in genere all'inizio della lotta per la nomina, o nel dare il via alla sua rielezione.

Perot aveva anche scelte sbagliate per i suoi vicepresidenti. Nel 1992, ha scelto L'ammiraglio James Stockdale , un brav'uomo ma la cui performance al dibattito è stata così epicamente lugubre che ha mantenuto Sabato sera in diretta parodia di Perot e Stockdale come l'argomento più discusso. Per il 1996, Perot scelse l'economista intelligente ma dimenticabile Pat Choate , che ha portato poco al biglietto. Fare pace con Dick Lamm e farlo entrare nella lista, o mettere alle urne un altro candidato con più esperienza elettorale e di dibattito, avrebbe aiutato.

Trump potrebbe non amare molto Mike Pence, ma il suo vicepresidente è stato prezioso nel dimostrare la sua esperienza legislativa (come membro del Congresso dell'Indiana) ed esperienza esecutiva (come governatore dell'Indiana). Molti repubblicani di mia conoscenza che erano scettici sull'esperienza di Trump si sono affezionati a Pence. Il governatore dell'Indiana ha vinto il dibattito alla vicepresidenza contro il senatore della Virginia Tim Kaine del Partito Democratico e sembra una buona scommessa rimanere come vicepresidente di Trump per la sua rielezione .

Trump > Perot

In conclusione, Trump è stato in grado di prendere in prestito dalle politiche di Perot facendo colpo con il popolo americano, concentrandosi sul commercio e sull'opposizione a guerre costose. Ma il magnate degli affari di New York ha imparato a buttarsi presto nella corsa e a resistere fino alla fine. Anche scegliere un compagno di corsa esperto ha aiutato Trump. Queste sono lezioni importanti che ogni candidato con un curriculum politico scarso, che si presenta come un outsider, che sfida lo status quo, deve conoscere.

John A. Tures è professore di scienze politiche al LaGrange College di LaGrange, in Georgia: leggi la sua biografia completa qui.

Articoli Interessanti