Principale Innovazione Google Home contro Amazon Echo è una battaglia di intelligenza e abilità

Google Home contro Amazon Echo è una battaglia di intelligenza e abilità

Le persone visitano il nuovo negozio pop-up di Google nel quartiere di SoHo il 20 ottobre 2016 a New York City. Il negozio consente alle persone di provare nuovi prodotti Google come il telefono Pixel, Google Home e Daydream VR.Spencer Platt/Getty Images



Il vantaggio della prima mossa è una cosa potente nella tecnologia. Puoi definire la categoria e, se sei abbastanza intelligente e abbastanza agile, lavori sempre sulla prossima generazione mentre tutti gli altri si affannano per raggiungere l'ultima. Apple, per esempio, sta ancora raccogliendo benefici dall'aver introdotto gli smartphone touchscreen 10 anni fa.

Ora stiamo assistendo a un test del vantaggio della prima mossa nel mercato emergente degli altoparlanti intelligenti a comando vocale. Il pioniere e l'attuale campione è il bambino di due anni di Amazon buttato fuori . Lo sfidante è Google Home , introdotto alla fine dello scorso anno.

Ho usato entrambi in casa mia abbastanza a lungo da iniziare a trarre alcune conclusioni provvisorie sui loro meriti relativi. In generale, Echo e il suo assistente vocale Alexa possono, grazie al loro vantaggio, eseguire molti più trucchi di Google Home.

Ma Google Assistant, il cervello all'interno di Google Home, sembra molto più intelligente di Alexa nel rispondere alle domande e nel fornire informazioni e offre un ecosistema più ampio di servizi connessi.

Entrambi i dispositivi possono riprodurre musica in streaming, fungere da timer, raccontare barzellette, controllare dispositivi smart-home e fornire informazioni sul traffico e sul meteo. Ed entrambi richiedono anche la disponibilità a rinunciare a un livello di privacy per godere dei vantaggi della loro tecnologia.

Questo perché ognuno utilizza un array di microfoni altamente sensibile per ascoltare tutto ciò che accade intorno, in attesa della sua parola di attivazione: OK, Google nel caso di Google Home; Alexa nel caso di Echo, per entrare in azione. (Fan del meraviglioso spettacolo canadese Schitt's Creek potrebbe voler sfruttare la capacità dell'eco di cambiare la sua parola di veglia, poiché tende a iniziare a blaterare ogni volta che qualcuno si rivolge al personaggio Alexis per nome.)

Google Home inizia con un paio di ovvi vantaggi. Uno è il prezzo: $ 129, contro $ 180 per l'Echo a grandezza naturale. (Amazon offre anche due più economici, Echi meno potenti .)

L'altro è l'aspetto. Mentre Echo è un semplice cilindro bianco o nero, Google Home ha un design più accattivante, con una parte superiore inclinata che funge anche da touchpad e basi intercambiabili che gli consentono di integrarsi con diversi decori in modo più discreto.

Entrambi i dispositivi si collegano a diverse sorgenti audio. Ci sono notizie da NPR e musica da Pandora e Spotify, sebbene ognuno dia la preferenza ai servizi di punta del suo proprietario, Amazon Prime e YouTube Music.

Google Home aggiunge un paio di rughe in più. Se hai più di un'unità, ad esempio, sono a conoscenza dell'esistenza l'uno dell'altro, consentendoti di raggrupparli insieme per riprodurre musica in più stanze. E se hai uno dei dongle Chromecast di Google collegato al televisore, puoi utilizzare i comandi vocali per riprodurre i video di YouTube.

Come hub di intrattenimento, però, do il vantaggio all'Echo. Il suo suono sembra più nitido rispetto a Google Home leggermente attutito e può essere utilizzato per riprodurre musica in streaming direttamente dal telefono tramite Bluetooth, un'abilità che manca a Google Home. Tuttavia, nessuno dei due dispositivi può sostituire un impianto stereo decente, e nemmeno uno degli entry-level di Sonos Gioca:1 altoparlanti, che fornisce l'accesso ai servizi di streaming senza gli aspetti del controllo vocale.

Amazon amplia il suo vantaggio quando inizi a scorrere l'elenco delle cose che Echo può fare. Fin dai suoi primi giorni, Amazon lo ha aperto a sviluppatori di terze parti. A loro volta hanno creato migliaia di ciò che Amazon chiama Competenze che gli utenti possono aggiungere, dall'ordinare i pasti all'ottenere citazioni stimolanti dal guru dell'auto-aiuto Tony Robbins.

Google Home chiama il suo equivalente utilizza Actions. In teoria, potrebbero rivelarsi più potenti delle abilità di Alexa: non richiederanno il passaggio aggiuntivo di richiedere agli utenti di abilitare specificamente ciascuno di essi che desiderano utilizzare e dovrebbero funzionare su più dispositivi, inclusi telefoni Android come il nuovo Pixel di Google. Ma finora sono disponibili poche azioni; Google ha consentito agli sviluppatori di iniziare a crearli solo il mese scorso.

Il punto in cui Google Home brilla di più è nel rispondere alle domande, poiché può fare appello alla profonda conoscenza del Web di Google per fornire risposte migliori. Fai una domanda ad Alexa e probabilmente non ti verrà letta la prima frase di una voce di Wikipedia, o forse solo un'offerta per eseguire una ricerca. Con Google Home, è molto più probabile che tu ottenga una risposta significativa.

Chiedi ad Alexa se un barboncino è un cane d'acqua, per esempio, e la risposta è: Scusa, non riesco a trovare la risposta alla domanda che ho sentito. Chiedi a Google Home e scoprirai che il nome barboncino deriva da una parola tedesca che significa sguazzare nell'acqua.

Google Home mostra anche un rudimentale senso del contesto, che lo rende migliore nella gestione delle domande di follow-up. Chiedi chi era il ventinovesimo presidente ed entrambi i gadget ti diranno che era Warren G. Harding. Ma se segui chiedendoti chi era il trentesimo? Alexa non conserva la conoscenza che stavi parlando di presidenti, mentre Google Home risponderà, Calvin Coolidge.

Date le capacità esistenti di Google Home e le risorse di Google, potrebbe non passare molto tempo prima che raggiunga dove si trova ora l'eco. La domanda quindi sarà se Amazon è stata in grado di spostare i pali.

Rich Jaroslovsky è un editorialista tecnologico di Braganca e vicepresidente di SmartNews Inc. Raggiungilo a richj@observer.com o @RichJaro su Twitter.

Articoli Interessanti