Principale Arti Le tasse di ammissione sono troppo alte

Le tasse di ammissione sono troppo alte

La Great Hall del Metropolitan Museum of Art.Spencer Platt/Getty Images



Ecco il dilemma: i musei continuano a lottare per attrarre un pubblico più giovane e diversificato pur mantenendo e imponendo tariffe di ammissione elevate. Gli adulti pagano $ 25 al Museum of Fine Arts di Boston, MFA e $ 27 all'Isabella Stewart Gardner Museum. Non è meno costoso visitare il Museum of Modern Art di New York ($ 25), il Guggenheim ($ 22), il Whitney ($ 20), la Barnes Foundation di Philadelphia ($ 22), l'Art Institute of Chicago ($ 23), il San Francisco Museum of Modern Art ($ 18) o il Los Angeles County Museum of Art ($ 15). E con gli americani decisi a riavviare il settore manifatturiero a causa di sacche di disoccupazione perniciosa, quei prezzi non sono trascurabili per molti.

L'anno scorso, il consiglio di amministrazione dei Fine Arts Museums di San Francisco ha approvato un aumento del 50 percento dell'ammissione generale, da $ 10 a $ 15 per gli adulti. Considerando quanti soldi così tante di queste e altre istituzioni spendono per acquisire nuove opere d'arte che raramente hanno spazio per esporre, è notevole come i direttori di musei ostinati mantengano e aumentino queste tasse, che in media ammontano solo al 6% di queste i ricavi dell'istituzione, secondo un Art Museums by the Numbers Report pubblicato dall'Associazione dei direttori dei musei d'arte nel 2015.

La soluzione che sempre più istituzioni hanno sviluppato, forse per smorzare il potenziale indignazione per l'alto costo di ingresso, è l'ingresso gratuito o scontato a orari e giorni, noto come tariffa variabile. Nell'ultimo anno, il Frick Museum di New York si è reso gratuito il primo venerdì di ogni mese, dalle 18:00. alle 21:00, mentre il Wadsworth Atheneum del Connecticut ha eliminato gli ingressi per i residenti di Hartford e il Museum of Modern Art di San Francisco, che è sempre gratuito per i visitatori di età pari o inferiore a 18 anni, ha aggiunto i periodici Free Family Days. Segna i tuoi calendari.

Piacere e prestigio per curatori e direttori di musei è acquisire più opere per le loro collezioni permanenti, non nel vedere più e diverse persone varcare le porte. I musei d'arte in tutto il paese stanno lottando con forza per rendersi attraenti per i millennial e per quello che ora chiamiamo un pubblico diversificato creando le proprie app, nonché acquisendo ed esibendo arte contemporanea, nonché arte di donne, latinos, africani, asiatici e chiunque altro. Tuttavia, i loro obiettivi continueranno ad essere controllati dalla barriera delle alte quote di ammissione; non possono creare un nuovo pubblico se è probabile che tale pubblico arrivi solo il primo venerdì del mese tra le sei e le nove di sera. o ogni volta che rendono il posto meno costoso per entrare.

I musei hanno spese enormi e le tasse di ammissione possono aiutare a sostenerle, ma queste tasse potrebbero essere ridotte o eliminate se queste istituzioni riassegnassero altre e sostanziali somme di denaro su cui sono seduti, che vanno esclusivamente a comprare più cose. Il Boston Museum of Fine Arts, ad esempio, ha circa 25 fondi per l'acquisto generale e quasi 150 dedicati a specifiche aree di raccolta, secondo una portavoce. Altri musei importanti hanno lo stesso o più. Il Museo delle Belle Arti di Houston dispone di circa 37 fondi di dotazione per l'adesione, che forniscono circa 20 milioni di dollari annuali in acquisti.

Quanto è davvero importante per i musei che sono già pieni di oggetti, e quindi molti più oggetti in deposito da qualche parte, continuare ad acquisirne altri? Indubbiamente, i curatori del Met and Modern e di altri importanti musei del paese affermeranno a lungo come l'acquisto di questo o quell'oggetto arricchisce - e non solo espande - una particolare collezione in qualche modo molto importante, ed è difficile per la maggior parte di noi per discutere il punto. Questo dipinto Mughal rivela il momento di transizione di... Ok, forse è così. Tuttavia, i musei possono prendere in prestito opere da altre istituzioni o collezioni private se hanno bisogno di colmare una lacuna percepita e lo fanno regolarmente per mostre speciali, ma non sembra probabile che i buchi nella storia dell'arte siano il problema. I membri del consiglio di amministrazione e gli amministratori fiduciari, così come altri grandi donatori di denaro, vogliono che i loro nomi siano associati ai nuovi acquisti. Figli, guardate il nome di vostro nonno su quella targa accanto a questo Gerhard Richter! (Oh, andiamo, ti ho detto tutto di Gerhard Richter durante la corsa in taxi qui.) Ci sarebbe una targa da ammirare se il nonno invece avesse donato quei soldi in modo che le entrate potessero essere inferiori o addirittura gratuite? (Potrebbe esserci, o potrebbe essere organizzata una festa, o l'istituzione potrebbe provare a produrre lo stesso tipo di trambusto della stampa per questo uso del denaro donato come potrebbe per un nuovo acquisto.)

Che ne dici, i direttori dei musei potrebbero dire ad alcune delle persone che cercano di donare denaro per l'ennesima donazione di acquisizione o fondo di acquisto: Bob e Mary, grazie per l'offerta di istituire il fondo di acquisto di Bob e Mary Smith. Ma saresti disposto a destinare quei soldi a una dotazione che riduca o elimini le tasse di ammissione in modo che più persone, in particolare quelle con mezzi limitati e che non vogliono tenere traccia di quali ore e quali giorni attualmente facciamo l'ingresso al museo gratuito, può visitare l'istituzione? Gli Smith potrebbero dire di no, vogliono solo che il museo compri più cose e ci attacchi il loro nome, ma altri donatori attuali o potenziali potrebbero trovare l'idea di valore. I direttori dei musei potrebbero anche rivolgersi ad alcune delle persone che hanno stabilito fondi per l'acquisto, o ai loro eredi, per richiedere che i termini del dono vengano modificati per consentire l'uso di parte o di tutti quei soldi per ridurre le entrate. Basta chiedere e, soprattutto, un impegno da parte dell'amministrazione museale per rendere più accessibili le proprie istituzioni.

C'è sempre anche di più: che ne dici di musei con opere d'arte in deposito che potrebbero non essere mai appese nelle gallerie - abbiamo già abbastanza centauri Picasso in mostra o abbiamo una migliore scena di boudoir Renoir nella Galleria 37 - condividi quel lavoro con l'arte di piccole città musei in tutto il paese che hanno meno o nessun lavoro di grandi artisti nelle loro collezioni permanenti? Condividete la ricchezza, ragazzi.

Articoli Interessanti